Blog

Studio EBA. Il digestato motore della transizione agroecologica in Europa

May, 2022

Un recente articolo della Ghent University in collaborazione con l’European Biogas Association, dimostra come il digestato, residuo del processo di digestione anaerobica per la produzione di biogas, utilizzato come fertilizzante organico nei campi, abbia il potenziale per contribuire significativamente anche allo stoccaggio del carbonio in agricoltura.

La digestione anaerobica (AD) è conosciuta per il biogas che produce, in quanto questo può essere convertito in energia green, biometano in primis. Tuttavia, l’AD produce anche digestato che è un eccellente fertilizzante contenente tutti i nutrienti e i micronutrienti necessari per l’agricoltura. Come per il recupero di energia dal biogas, la questione del recupero del digestato dovrebbe essere una parte sistematica del progetto AD per sfruttare tutti i suoi potenziali benefici. Infatti, il digestato ha un duplice interesse agronomico: mettere a disposizione delle piante elementi minerali e contribuire allo stoccaggio del carbonio nei nostri suoli.

Il documento “Assessment of the Carbon and Nitrogen Mineralisation of Digestates Elaborated from Distinct Feedstock Profiles” analizza i tassi di mineralizzazione dell’azoto e del carbonio di cinque dei flussi di materie prime più rappresentativi nel settore europeo del biogas (letame suino, pollina, colture energetiche, fanghi di depurazione, rifiuti alimentari). Il documento mostra che i digestati hanno un alto valore di fertilizzante a causa del loro contenuto di azoto. In agricoltura, l’azoto è essenziale per assicurarsi che le piante siano sane e nutrienti dopo il raccolto. Oltre alle loro proprietà fertilizzanti, i digestati hanno un forte potenziale per immagazzinare carbonio nel terreno. L’attento monitoraggio dei tassi di mineralizzazione ha permesso agli autori di prevedere il potenziale di sequestro del carbonio dei digestati.

Lo studio dimostra, quindi, l’importanza dell’impronta di rimozione del carbonio nelle attuali e future politiche dell’Unione Europea relative ai sistemi agricoli rende ancora più pertinente esaminare il digestato non solo dal punto di vista fertilizzante, ma anche come possibile contributo allo stoccaggio del carbonio.

Per saperne di più: Digestate as driver of the agroecological transition in Europe | European Biogas Association

Articoli correlati

28 Aprile 2022
Safe Day 2022, IES Biogas per la salute e la sicurezza sul lavoro
24 Aprile 2022
FarmingTour: IES Biogas insieme al CIB a Genagricola
13 Aprile 2022
FarmingTour: il 21 aprile 2° tappa a Genagricola
5 Aprile 2022
Snam acquisisce il 100% di IES Biogas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *